Tecnologia

Rivoluzione insurance

App, bot, geolocalizzatori e tracker

Tecnologia e assicurazioni formano un binomio che sta rivoluzionando il concetto di insurance.

Tecnologia e assicurazioni stanno cominciando a camminare di pari passo. Nel ramo delle assicurazioni dedicate ai viaggi, se un tempo esisteva la targhetta con il nome da legare al bagaglio, per sperare di recuperarlo in caso di smarrimento, ora ci sono dei geolocalizzatori (Bag Track) piccoli e versatili che consentono di monitorare costantemente la posizione delle proprie valige e che vengono dati al cliente come un plus della polizza sottoscritta. Anche nel settore dei contratti di assicurazione per gli animali domestici ci sono importanti novità, perché ora esistono dei tracker da agganciare al collare di cani e gatti che consentono di ritrovarli subito. Ne è un esempio la polizza ''Miglior Amico'', sottoscrivendo la quale si viene dotati di un kit-device (Kippy Vita) che, oltre a permettere di monitorare gli spostamenti dell'animale domestico, ne controlla anche le funzioni vitali e il consumo calorico.

Tecnologia e assicurazioni consentono di avere un servizio di assistenza stradale digitale e virtuale, mediante chat di instant messaging e un bot che parla al conducente e lo aiuta a risolvere il problema, oppure contatta immediatamente un operatore reale rideterminando la priorità delle altre chiamate in coda a seconda dell'urgenza. Sempre per quanto concerne il mondo dell'auto, è già da tempo che le compagnie offrono polizze molto convenienti grazie all'abbinamento di tecnologia e assicurazioni. Difatti, se il conducente installa sul veicolo la black-box (scatola nera), la compagnia riesce a tarare al meglio la copertura più adatta ed opera uno sconto notevole sul premio annuo.

Tecnologia e assicurazioni seguono i tempi e permettono di avere molto di più rispetto al passato, in termini di assistenza, personalizzazione del prodotto e diminuzione del rischio. Senza contare la comodità di poter operare con il pc, da casa, per consultare la propria posizione assicurativa, interagire con gli operatori, chiedere rimborsi, inviare documentazione, pagare i premi e proporre di apportare modifiche al contratto originario che, peraltro, può essere anch'esso sottoscritto online. Inoltre, va considerato che, in questo momento di "lancio" dei nuovi device hi-tech abbinati alle polizze assicurative, il loro costo è decisamente irrisorio, se non addirittura nullo.

Tutte le nostre news

Ultimo aggiornamento:mercoledì, 26 febbraio 2020